Internazionale

Esiste ancora Informazione Attendibile?

Ma quante balle ci raccontano! E quante ne beviamo?

Il giornalismo probabilmente è morto da tempo. Mi chiedo se esistano ancora giornalisti o media indipendenti e liberi dalla ricerca spasmodica del protagonismo ad ogni costo. La Guerra Russia/Ucraina è inaccettabile, disumana, deplorevole ecc., ma una cosa è certa, anche su questa si sta speculando in modo ignobile. E tutto questo avviene solo per convenienza, per corruzione. La corruzione non è necessariamente solo in denaro, è anche in successo, in visibilità, in affermazione personale facile.

Il razzo sulla centrale nucleare si è scoperto che era solo un bengala per illuminare un obbiettivo sensibile (questo è un fatto). Ma nessuno ha smentito il grande clamore della notizia iniziale. Le code di auto mostrate da TGCOM sono false, riprese dal film Deep Impact ed anche questo è un fatto. Basta dare un occhiata all’abbigliamento della gente in fuga. Poi fatte sparire e mai più ripresentate, ma hanno comunque avuto l’indecenza di presentarle. L’ospedale bombardato è cosa vera, ma le immagini proposte, per lo più, sono quelle dell’ospedale bombardato in Siria. Basta confrontarle.

Quello che viene da chiedersi è con quanta superficialità si dia informazione oggi e con quanta facilità giornalisti e media siano disposti a falsificare ogni informazione, ingigantendola il più possibile pur di fare ascolto, notizia.

Dico una cosa semplice, da giorni si vede un innalzarsi vertiginoso del costo del gas e della benzina. Responsabile la mancanza degli approvvigionamenti dalla Russia. Ebbene la Russia, almeno ad oggi, NON HA MAI interrotto la fornitura all’Italia che continua a ricevere il tutto puntualmente. Con questo non voglio giustificare Putin, nessuno ha il diritto di dare inizio ad una guerra preventiva solo perché non accetta o condivide le scelte dell’altro. Mai!!!

Però voglio ricordare una cosa che con i film Western, già in passato (anni 30/80), il mondo dell’informazione ha fatto credere a tutti che gli indiani erano i cattivi e gli americani i buoni colonizzatori che portavano il progresso. Quindi questo giustificava il massacro dei nativi. NON esiste una stima precisa perché non fa comodo farla, ma si parla di 6 milioni di omicidi rimasti impuniti.

E poi vorrei capire una cosa importante. Come è giusto che sia, il mondo si è mobilitato per i profughi Ucraini, cosa giusta e meritevole, ma i profughi Afgani, quelli Siriani ecc. che fine hanno fatto? Non ne parla più nessuno. Cancellati.

Che l’atto di Putin d’invadere uno Stato Sovrano sia inaccettabile non si discute, ma mi chiedo se non sarebbe l’ora di iniziare a presentare il conto a tutti i capi di stato o responsabili per atti inaccettabili come questo.

Alcuni esempi:

Il genocidio dei nativi americani;
Il genocidio Armeno;
Guerra Ucraina Donbass con il massacro di Odessa (si parla di oltre 14.000 vittime civili);
Guerra in Iraq. Nessuno ha mai trovato le armi di distruzione di massa. Gli USA hanno ammazzato Saddam e tutta la famiglia e poi hanno chiesto scusa. Ricordiamoci delle scuola materna ed elementare distrutta da una cosiddetta “bomba intelligente”;
Gli USA nelle Filippine;
Gli USA in Vietnam;
Gli USA in Nicaragua;
Gli USA con Hiroshima e Nagasaki, centinaia di migliaia di civili morti sul colpo e oltre 1 milione con conseguenze negli anni successivi. Bombe buttate sulla gente;
I territori strappati ai palestinesi e consegnati ad Israele.

E la Francia, con l’alleanza Usa, Gran Bretagna, Italia, Spagna e Canada che nel 2011 bombardò la Libia per presunta minaccia di Gheddafi. Ma poi di che minaccia concreta si trattasse s’è mai capito? Sappiamo quanto ci hanno propinato, ma i Libici erano veramente una minaccia per il mondo intero? Stranamente, però, oggi tutte le loro risorse petrolifere sono in mano a compagnie occidentali.

Francamente potrei continuare ancora tanto, ma non ha senso.

Sarebbe l’ora di costituire dei tribunali internazionali veri, non semplici fantocci di presunti imponibili, che abbiano l’autorità internazionale di condannare ogni crimine di guerra passato, presente e futuro e far pagare, ma pagare davvero, gli stati colpevoli.

Se davvero i governanti del mondo vogliono la pace che allora tutti eleggano un Tribunale al di sopra di tutto e di tutti che possa giudicare anche su loro stessi e pretendere l’esecuzione delle condanne.

Come fecero gli americani con il processo di Norimberga le cui sentenze si applicano ancora oggi.

Mostra di Più

MG

Marcello Gianferotti, classe 1966, ha iniziato a viaggiare all’età di 15 giorni. Prima la Tunisia, poi il Madagascar, l’Italia e ora la Spagna: non si è mai fermato. Grande appassionato di scrittura, è referente iberico del circuito Sviluppo Europa e gestisce, oltre a SamizdatVoz, anche il suo blog culinario marcellogianferotti.org.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi Anche
Close
Back to top button